Tag

, , , , , ,

Rimane l’embargo sul mercato delle armi, ma per il resto l’Unione Europea ha deciso questa mattina di sospendere le sanzioni e incoraggiare gli investitori europei a lavorare in Myanmar, nel rispetto dei diritti umani, specificano.
Ecco il documento pubblicato dopo l’incontro di oggi in Lussemburgo: Council conclusions on Burma/Myanmar.
Copio da un articolo del corriere.it che “le sanzioni europee hanno riguardato circa un migliaio tra aziende e istituzioni, sottoposte al congelamento dei beni, e divieti di viaggio in Europa che hanno riguardato circa 500 persone”.
Per aggiornarsi sulla situazione birmana, recentemente il Tg1 ha trasmesso uno speciale in cui intervengono Fassino (inviato dell’UE per quattro anni) e alcune figure birmane che svolgono un ruolo significativo nel processo di democratizzazione. Il servizio non è male e non tralascia la questione delle minoranze etniche, anche se nomina quasi solo i Karen (meglio di niente!): Speciale TG1 del 15 aprile 2012.
Tra l’altro in questi giorni il nostro Ministro degli Esteri Terzi è in viaggio nel sud-est asiatico e insieme a Fassino andrà in Myanmar a capire che fetta di paese ci possiamo accaparrare. Inizia la grande festa delle grandi potenze affamate. Qualche dettaglio in più sulle visite di Terzi qui.

Annunci